LATTERIE VENETE (GENERAL)

Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY

Address: Via Bassanese, 2, 31050 Vedelago (TV), ITALY
Phone: +390423401019 Mobile: * Fax: *
Website: http://fiordimaso.it Email: *

LA FAMIGLIA CHIOMENTO E LA TRADIZIONE CASEARIA DELLA TERRA D’ORIGINE
La Ca. Form nasce dalla passione della famiglia Chiomento per la lavorazione dei prodotti caseari. E’ una passione antica, tramandata da generazioni. Leggendo nel passato della famiglia, si può asserire che sia scritta nel DNA dei suoi componenti. La sede dell’Azienda si trova ai piedi dell’Altopiano di Asiago 7 Comuni, una terra da semprevocata all’allevamento e alla produzione di formaggi.

LA GEOGRAFIA
Fra i Sette Comuni che compongono l’Altopiano, uno dei più antichi è Foza, paese da cui proviene la famiglia Chiomento. La specificità di Foza è legata sia alla sua posizione geografica, che alla sua storia. Situata a 1100 m.s.l.m., nel versante orientale dell’Altopiano, Foza è da sempre facilmente raggiungibile dalla pianura attraverso la Val Vecchia e la Val Frenzela, vie di comunicazione con il Canal del Brenta, dove scorre il corso d’acqua che delimita ad est l’acrocoro montano. Questa caratteristica ha fatto sì che, fin dall’antichità, i boschi e i pascoli del territorio di Foza e dei territori limitrofi fossero raggiunti prima da cacciatori del fondovalle (il Riparo Dalmeri della Marcesina fu frequentato ca.12.000 anni fa), poi da pastori dell’area padovana (epoca romana) e quindi da popolazioni provenienti dal nord dell’Europa (nel medioevo), che furono – a loro volta - pastori e boscaioli.

LA FAMIGLIA CHIOMENTO
Dalle ricerche dello storico Franco Signori, contenute in “Foza, una comunità, una storia”, apprendiamo molte delle notizie sulla famiglia di seguito riportate. La famiglia Chiomento, come altre di Foza, ha origini autoctone, essendo nata sul posto. Discende, infatti, da Heinrich, tedesco che, nel 1491 è presente in canonica, in qualità di testimone, come documenta un atto notarile dell’epoca. Da uno dei due figli di Heinrich, Clemente, discendono i Chiomento, dall’altro figlio, Vincenzo, discendono gli Oro. Il luogo di partenza della famiglia Chiomento è la Piazza, dove i due fratelli posseggono una casa murata, coperta di scandole, che abitano in comune con il fratellastro Cristofaro fu Giovanni. Sempre dagli atti notarili si apprende che nel 1534 i fratelli vendono la casa al parroco, anche se non fanno ancora parte a pieno diritto della comunità di Foza. Nel 1568 a Clemente succedono il figlio Francesco con i due figli Marco e Nicolò. Il 21 novembre 1568 padre e figli ottengono, dall’assemblea dei capifamiglia di Foza, di essere accolti come cittadini, disponendo di tutti i diritti e di tutti i doveri. Dopo qualche anno la famiglia Chiomento è inscritta nel colonnello di Gavelle, nella parte orientale del paese, pur se il loro cognome non è ufficialmente formalizzato. Lo sarà agli inizi del 1600, allorché Zuanmaria, il terzo figlio di Francesco, nella convicinia del 4 febbraio 1607, si dichiarerà come “ser Zuan Maria quondam (fu) Francesco Honraich di Chiomenti”. All’inizio del 1800 la famiglia è insediata nel territorio da più di 300 anni, ha dato al paese sindaci e consiglieri e occupa diverse contrade nel colonnello di Gavelle. Fra i governatori eletti nel colonnello di residenza troviamo: Zuane di Francesco Chiumento nel 1717, riconfermato l’anno successivo, Domenico quondam (fu) Zamaria nel 1738, Marco Chiomento nel 1758, Marco Chiomento quondam Cristian nel 1771, Zuane quondam Marcantonio e Antonio Chiomento nel 1802. Durante il regno Lombardo-Veneto, l’amministrazione fu affidata a deputati comunali e fra di essi ritroviamo il nome dei Chiomento. Anche in tempi più vicini a noi un Chiomento resse le sorti del paese. Nel secondo dopoguerra fu infatti sindaco, per diversi anni, Silvio Chiomento. Intanto, tra la fine del 1800 e la prima metà del 1900 alcune famiglie Chiomento, come molte famiglie di Foza, lasciano le loro case per cercar fortuna altrove. La pastorizia, per secoli attività principale del paese, era entrata in crisi e ciò stava determinando profondi cambiamenti. Parecchie famiglie si insediarono ai piedi dell’Altopiano, in particolar modo ai confini tra Vicenza e Padova, in luoghi caratterizzati da risorgive e prati stabili, dove gli ex-pastori, passati all’allevamento bovino, poterono più agevolmente esercitare la loro attività. Come dimostra l’interessante ricerca condotta da Sergio Vanini e riportata in “La montagna che vive in pianura”, il cognome Chiomento è presente ancor oggi nei comuni di Bolzano Vicentino, S. Pietro in Gù, Carmignano di Brenta e Grantorto, assieme a molti cognomi originari di Foza e degli altri paesi dell’Altopiano. Gli attuali discendenti poco o nulla sanno dei loro avi, ma da relazioni storiche e da testimonianze scritte apprendiamo come i proprietari terrieri provenienti dal vicino Altopiano conoscessero perfettamente e praticassero l’arte di produrre formaggi. Bortolo Castegnero, parroco di S. Pietro in Gu, nel 1925, trattando del suo paese, annota che tra il 1850 e il 1900 “…molte famiglie del di fuori, segnatamente dei sette Comuni vi immigrarono e vi fecero acquisti per piantarvi ed esercitarvi l’industria casearia, che si presentava come la più indicata per la natura dei terreni e d’altronde abbastanza redditizia, dato lo sviluppo preso dal commercio in questo genere di prodotti”. Molte famiglie Chiomento, però, rimasero a Foza e continuano a viverci. Ancor oggi, in paese, ci sono due contrade che portano il nome Chiomento: - Ori Chiomenti - situata nei pressi della Valcestona - che prende il nome dalle due famiglie formatesi dallo stesso capostipite Heinrich di Alemagna; - Chiomenti di Sopra, costituita da un nucleo di abitazioni poste sul dorsale che conduce al Sasso Rosso.

Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY Allrestaurants - LATTERIE VENETE - Vedelago (TV), ITALY
x
X